Elezioni Regionali Siciliane 2012 – “Cose Nostre”

Pubblicato: ottobre 1, 2012 in Politica

Indagati e corrotti – Guida al non-voto

Ormai manca  poco meno di un mese alle prossime elezioni regionali, fissate per il prossimo 28 Ottobre, e la gara a chi vincerà un posto da deputato è in pieno svolgimento. Il tema di questa nuova tornata elettorale sembra  cambiato rispetto alle volte scorse; ormai non si parla più di lavoro, sviluppo e futuro, in effetti dopo 40 anni di promesse sempre uguali urge un cambiamento, e ci hanno pensato gli stessi politici ad innovarsi, e dopo i numerosi scandali legati a corruzione, voto di scambio, tangenti, uso illecito dei fondi, quest’anno sono onestà ed etica a padroneggiare nelle campagne elettorali.

Partiti puliti, codice etico, sono i nuovi termini inseriti nei dizionari di molti politici da strapazzo, quasi sempre mossi dall’interesse personale più che dal bene verso la collettività, ma come spesso accade in politica, le parole sono destinate a rimanere tali, tra dire e fare c’è sempre di mezzo qualche cavillo o qualche toga rossa, spesso viene richiamata la volontà dei cittadini in realtà soppressa dall’attuale legge elettorale, per cui i buoni propositi sbandierati in campagna elettorale, vengono spesso traditi per volontà altrui.

Anche le imminenti elezioni regionali siciliane ruotano attorno ad onestà, legalità, pulizia e rottamazione, ma da una leggera analisi, candidati condannati sono normalmente inseriti nelle liste, politici indagati o già con condanne definitive continuano a restare ai loro posti, permettendosi di fare accordi proporre candidature e appoggiare questo o quello.

Nelle liste dei candidati alle prossime elezioni saranno circa 20 coloro che sono noti alla giustizia e che rischiamo di ritrovare seduti al parlamento siciliano, a questi bisogna aggiungere un buon numero di persone indagate ma non direttamente candidate oltre ad un esercito di burattini e prestanome manovrati dai politici di professione. Entrando nel dettaglio si può ammirare come siano bipartisan gli indagati, ecco un breve elenco.

Giuseppe Arena, condannato (insieme all’ex sindaco di Catania Umberto Scapagnini) in primo grado per falso in bilancio.

Mario Briguglio, indagato per l’alluvione di Scaletta (ME).

Fabio Mancuso, arrestato per bancarotta.

Riccardo Minardo, arrestato per associazione a delinquere, truffa aggravata.

Franco Mineo, indagato per intestazione fittizia di beni e abuso d’ufficio.

Questi candidati appoggiano la candidatura di Miccichè, aggiungerei altri nomi di persone che anche se non sono candidate, ricoprono importanti incarichi all’interno dei loro partiti, e che sostengono questo candidato, ovvero Raffaele Lombardo (possono non essere aggiunte parole) e Pippo Gennuso, indagato per concorso in falso.

Altro candidato alla presidenza è Nello Musumeci, che si propone di governare con onestà, il cui motto viene sicuramente rafforzato da alcuni candidati;

Santo Catalano, patteggiamento della pena per abuso edilizio.

Giuseppe Drago, condanna definitiva per peculato.

Pippo Gianni, arrestato per concussione e condannato a 3 anni in primo grado.

Questi sono gli uomini di Saverio Romano, ex ministro, assolto dall’accusa di concorso esterno per associazione mafiosa, ma indagato per corruzione; all’interno del partito troviamo altri esponenti, che anche se non sono candidati, di certo non sono stati esclusi nè relegati ai margini, parliamo di Antonello Antinoro, condannato in primo grado per voto di scambio, Giovanni Cristaudo che ha patteggiato una pena per abuso d’ufficio e falso, Fausto Fagone e Rudy Maira, indagato per associazione a delinquere.

Ovviamente non potevano mancare i candidati eticamente puliti del PDL, che sostengono anch’essi la candidatura di Musumeci.

Giuseppe Buzzanca, condannato a 6 mesi per peculato.

Salvino Caputo, condannato per tentato abuso d’ufficio.

Roberto Corona, indagato per truffa.

Girolamo Fazio, condannato per violenza privata.

All’interno del suo organico, il Pdl vanta un’invidiabile schiera di indagati e/o condannati. Oltre al famoso senatore Marcello Dell’Utri, altri esponenti attivi, anche se non candidati a questa tornata elettorale, figurano come uomini di partito. Francesco Cascio, indagato per omissione d’atti d’ufficio, Nino D’Alì, indagato per concorso esterno in associazione mafiosa, Nino D’Asaro, coinvolto in un’inchiesta sulle promozioni facili al comune di Catania e Fabio Mancuso, indagato per vari reati quali bancarotta.

Anche Rosario Crocetta ha deciso di omologarsi alle care abitudini siciliane, fissando l’alleanza politica con l’UDC, partito di Salvatore Cuffaro, condannato per fatti di mafia. Tra i candidati puliti che lo sostengono troviamo:

Marco Forzese, indagato per le assunzioni facili al comune di Catania.

Pippo Nicotra, sindaco di Aci Catena durante lo scioglimento per mafia negli anni ’90.

Gianni Pompeo, indagato per affidamenti diretti.

Anche se non candidati, Crocetta potrà sicuramente puntare sull’appoggio di alcuni esponenti dell’UDC, come ad esempio Giulia Adamo, condannata a risarcire diverse migliaia di euro per proroghe di incarichi, così come David Costa, arrestato con l’accusa di concorso esterno in associazione mafiosa o di Giuseppe Naro, rinviato a giudizio per finanziamento illecito ai partiti.

L’operazione pulizia e patto etico del PD si basa, invece, sulle candidature di

Giacomo Scala, indagato per abuso d’ufficio.

Elio Galvano e Salvatore Termine, indagati per falso in bilancio.

Anche se non candidati, è probabile l’appoggio di uomini di partito come Antonio Papania e Francantonio Genovese, indagati per abuso d’ufficio e di Mirello Crisafulli, che si sarebbe fatto asfaltare la strada della sua villa con fondi pubblici.

Cateno De Luca, candidato alla presidenza, ha deciso di aprire un nuovo corso, piuttosto che avere dei presidenti di regione condannati durante il mandato, ha pensato di anticipare i tempi, presentandosi già con una condanna sulle spalle, arrestato per concussione è attualmente indagato.

L’elenco l’ho realizzato in un’oretta, facendo una breve ricerca in rete. La fonte è principalmente “Il fatto quotidiano“. Questo, dal mio punto di vista, significa che con indagini più approfondite l’elenco potrebbe continuare, oltre che da condannati e indagati, è importante diffidare da gente che ci mette solo la faccia, la cui elezione serve solo a dare potere agli impresentabili, nonostante le leggi ed i partiti permettano praticamente a qualsiasi delinquente di candidarsi.

Basta con questa politica, chiunque sia a conoscenza di fatti rilevanti, può segnalarli.

Per chi volesse riderci su, ecco un articolo che ironizza sulle elezioni.

Ridiamoci su

Advertisements
commenti
  1. Silverio ha detto:

    Cosa vuol dire “guida al non voto”? ….non andare a votare?
    Così fosse,questo blog apparirebbe alleato ai politici corrotti di cui sopra che,mentre in un primo momento ne fa oggetto di condanna,in un secondo,invitando al non voto,li favorisce nel voto e nell’essere rieletti. Es.:
    Se su 100 elettori,50 non vanno a votare,i voti della restante metà (50) vanno suddivisi tra i vari candidati. Per cui,una pur piccola percentuale di voti potrà determinare la vittoria di un candidato. E se a votare sono elettori “amici” del candidato”,si capisce in che mani poi ci ritroveremo se questo dovesse essere rieletto e tornare alla guida di questa regione. ANDATE A VOTARE E VOTATE M.5STELLE DI BEPPE GRILLO,nessuno dei candidati ha quantomeno problemi con la giustizia.
    http://www.sicilia5stelle.it/

    • lucastro79 ha detto:

      Il mio è ovviamente un personale punto di vista…
      Essere considerato un alleato di corrotti ed indagati mi sembra pura blasfemia, sul blog ci sono diversi articoli che condannano questo stato di cose, denunce per situazioni di illegalità. Purtroppo, sempre dal mio punto di vista, viviamo in una pseudo democrazia, e se proprio devo essere sincero sarei per una rivoluzione popolare, bisogna cambiare molte regole, ed un elevato astensionismo può forse essere l’unico segnale da mandare a chi di competenza, per far capire che la gente non ne può proprio più. Non nascondo di aver visto con favore l’arrivo di Grillo, condivido sicuramente alcune punti, ma sul blog non faccio campagna elettorale per nessuno, invitare a votare qualcuno si chiama pubblicità.
      Se l’80% degli aventi diritto non va a votare, chi si trova a governare, chiunque esso sia, avrebbe un consenso talmente ridicolo da temere proteste e giudizi della collettività, unico modo per cambiare veramente qualcosa, visto che ogni giorno si nascondono dietro “il volere della gente”, “siamo espressione della gente” etc etc

  2. […] Elezioni Regionali Siciliane 2012 – “Cose Nostre” […]

  3. gianni pulvirenti ha detto:

    il non voto è un favore ai mafiosi

  4. […] Elezioni Regionali Siciliane 2012 – “Cose Nostre” […]

  5. Marco ha detto:

    Non andare a votare non è la soluzione,cosa si ottiene? Che altri comunque scelgano per me. Dubito che se ci fosse un astensionismo quasi totale cambiebbe qualcosa.
    Non votate i candidati inquisiti, ci sono anche giovani onesti che stanno cercando con fatica di cambiare le cose, dal basso.
    Si vota un giorno solo e non ci sará ballottaggio: per un voto si vince o si perde.
    Per i candidati presidente scegliete quello che in coscienza vi sembra il meno-peggio, quello che ha meno inquisiti in lista. Leggete i programmi, documentatevi, qualche differenza c’è.
    Non avverrá ora il riscatto della Sicilia, ma il 28 si possono mettere le basi x crearlo, per avere un ricambio non votando i partiti che hanno portato la Sicilia al collasso, e magari dando un pò di fiducia a quelle forze che erano all’opposizione e che speriamo si stiano riscattando. Facciamo in modo che si abbia anche un’opposizione costruttiva.
    Il vostro voto potrebbe permettere a movimenti sconosciuti (come ad es. quello che sostiene Gaspare Sturzo, il movimento liberi e forti e i movimenti civici siciliani) di superare il 5% e poter cercare di rinnovare anche facendo l’opposizione.

    • lucastro79 ha detto:

      In linea di massima sono d’accordo con il tuo pensiero,anche se credo che in realtà occorra un rinnovamento generale della politica. Un partito nuovo, fatto di gente onesta è sicuramente l’esempio su cui costruire il futuro, il problema si pone per quei partiti storici,poco inclini al cambiamento e sopratutto poco inclini ad accettare realmente, la volontà di pulizia ed onestà che arriva dalla gente. Purtroppo questa gente continuerà a perpetrare stupri economici, ad avallare i propri interessi e quelli di pochi, per questo credo che un elevato astensionismo possa contribuire in maniera significativa al crollo di questi porci, ed i vertici saranno costretti a rinnovare, loro malgrado, per non scomparire del tutto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...